Bergamo, via Zambonate 33

giovedì 17 marzo  -  ore 17.30

Libreria Incrocio Quarenghi, via Quarenghi 32, Bergamo

sono necessari: mascherina ffp2 e green pass rafforzato

I L   M I T O   N A P O L E O N I C O

presentazione del romanzo di Carlo Salvioni L’oriente perduto

edizioni Lubrina-Bramani

 

con l’autore intervengono le giovani studiose:

Giada Borlotti, storica

Claudia Maestroni, storica

Rebecca Bolis, letterata

Alcuni brani del libro saranno letti da Agnese Capitanio

L'oriente perduto

Nella settecentesca dimora dei Valserra sul lago di Como, Fabrizio in una notte di fine estate ritrova un antico libretto nascosto nel cassetto di una scrivania, posta nella biblioteca della villa. E’ un diario”. Comincia così questo nuovo romanzo di Carlo Salvioni che porterà il lettore nel clima delle repubbliche democratiche dell’Italia alla fine del XVIII secolo e poi addirittura nella terra dei Faraoni, al seguito della spedizione guidata dal generale Bonaparte. La successione degli eventi, che si rincorrono a ritmo serrato, cambierà in modo irreversibile il corso della Storia e darà origine a una nuova scienza: l’Egittologia. Monaco benedettino, sfratatosi durante la rivoluzione bergamasca del 1797, giacobino, conoscitore delle lingue antiche e orientali, Alessandro Valserra, antenato di Fabrizio, è il protagonista di questa narrazione. La sua sarà una vicenda di affrancamento dai dogmi e dalle polverose dottrine dell’antico regime, con in più il gusto dell’avventura e delle scoperte archeologiche, alla ricerca di quella felicità, che solo una società fondata sulle idee di libertà, uguaglianza e merito poteva garantire. O così sembrava. Come tanti giovani del suo tempo Alessandro Valserra è sedotto dal mito napoleonico e la sua dedizione alla vicenda del grande Corso proseguirà anche durante il Consolato e l’Impero, fino alla definitiva conclusione di quello straordinario destino e anche oltre, nella fedeltà di una condivisione, cui non seguiranno abiure né pentimenti

*********************

conversazioni

documento di Rete Giovani 2021.pdf
misure UE x pandemia.pdf
ricostruire basi solidarietà.pdf

Chi siamo

il logo

Il logo del Centro richiama il progetto del grande architetto francese Etienne Louis Boullée che nel 1793 così immaginò il tempio della ragione, mai costruito

lo statuto

Art.2 - Il Centro culturale NuovoProgetto ets ha il fine di promuovere un'idea di cittadinanza non conformista, socievole, tollerante e responsabile, diffondendo una cultura critica...

il direttivo

Consiglio direttivo

Roberto Alfieri (presidente)   - Silvana Tacchio (vicepresidente) - Agnese Capitanio - Antonio Censi - Raffaella Cornelli - Giuseppe Crippa - Pia Locatelli - Carlo Salvioni -  Mauro Trevisan

Organismo di revisione dei conti

Alessandro Redondi

adesione

per aderire al Centro Nuovo Progetto è necessario scaricare il modulo e inviarlo compilato e firmato alla nostra mail.
Il costo annuale è di € 30 (€ 15 per gli under  25)

ATTIVITA'.pdf