giovedì 27 maggio  -  ore 18.00


in audiovideo conferenza sulla piattaforma Zoom collegandosi al link:

https://zoom.us/j/97226745441?pwd=dlBOZHU2Q28yc2ZJY0ZvV0p4NWNFZz09

Paolo Franchi

presenterà il suo libro

Il PCI e l'eredità di Turati


introduzione di Giuseppe CrippaDirettivo Centro NuovoProgetto

contributi di Pia Locatelli Carlo SalvioniDirettivo Centro NuovoProgetto

Al congresso socialista di Livorno del 1921 il patriarca del riformismo italiano Filippo Turati partecipa nelle vesti dell’imputato principale. Quando la maggioranza dei delegati si rifiuta di espellerlo dal PSI assieme ai suoi compagni, come pretende la neonata Terza Internazionale, i delegati comunisti abbandonano i lavori per dare vita al loro partito. Durante quel congresso Turati, nel suo memorabile discorso, non si limita a difendere la sua concezione del socialismo ma, rivolto ai seguaci di Lenin, si concede una profezia: “Quando avrete fatto il partito comunista… se vorrete fare qualcosa che sia rivoluzionaria davvero, che rimanga come el emento di civiltà nuova, voi sarete forzati a vostro dispetto, ma dopo ci verrete, perché siete onesti, con convinzione, a percorrere concretamente la nostra via, a percorrere la via dei socialtraditori”. A un secolo di distanza da quegli eventi Paolo Franchi, con l’accuratezza dello storico e il piglio del giornalista, parte da questa “profezia da Barbanera”, come la definisce lo stesso Turati, per ricostruire se, quanto e come essa si sia avverata. Dal Togliatti della svolta di Salerno e del “partito nuovo” al Berlinguer del compromesso storico, fino alle conseguenze del pensiero turatiano sulla sinistra postcomunista, Franchi giunge a conclusioni inattese e fondamentali per comprendere la traiettoria e il presente della sinistra italiana (dalla presentazione della Casa editrice “La nave di Teseo”)

Paolo Franchi ha cominciato la sua attività di giornalista a “Rinascita” nel 1976. Ha poi lavorato a “Paese Sera”, “Panorama” e “Corriere della Sera”, dove è stato inviato, notista politico, capo della redazione romana ed editorialista. Tra il 2006 e il 2008 ha diretto il quotidiano “Il Riformista”. È stato condirettore del mensile “Le ragioni del socialismo”. Con Emanuele Macaluso ha scritto Da cosa non nasce cosa, con Marco Follini Intervista sui moderati, con Maria Vittoria Tomassi ha curato Pietro Nenni: Socialista, libertario, giacobino. Diari 1973-1979. Tra i suoi lavori recenti: La traversata. Giorgio Napolitano da Botteghe Oscure al Quirinale e Il tramonto dell’avvenire. Breve ma veridica storia della sinistra italiana

conversazioni

documento di Rete Giovani 2021.pdf
misure UE x pandemia.pdf
ricostruire basi solidarietà.pdf

Chi siamo

il logo

Il logo del Centro richiama il progetto del grande architetto francese Etienne Louis Boullée che nel 1793 così immaginò il tempio della ragione, mai costruito

lo statuto

Art.2 - Il Centro culturale NuovoProgetto ets ha il fine di promuovere un'idea di cittadinanza non conformista, socievole, tollerante e responsabile, diffondendo una cultura critica...

il direttivo

Consiglio direttivo

Roberto Alfieri (presidente)   - Silvana Tacchio (vicepresidente) - Agnese Capitanio - Antonio Censi - Raffaella Cornelli - Giuseppe Crippa - Pia Locatelli - Carlo Salvioni -  Mauro Trevisan

Organismo di revisione dei conti

Alessandro Redondi

adesione

per aderire al Centro Nuovo Progetto è necessario scaricare il modulo e inviarlo compilato e firmato alla nostra mail.
Il costo annuale è di € 30 (€ 15 per gli under  25)

ATTIVITA.pdf